CCMotorDay Sezione NORD OVEST

logo nord ovestIl Moto Club CCMotorday nasce come un gruppo di persone nel maggio 2006 per gioco, dall’idea di organizzare un motoraduno “in divisa”, a livello nazionale, da parte di un comitato spontaneo di appartenenti all’Arma dei Carabinieri e non. L’organizzazione del primo evento CCMotorDays (Perugia 19-21 maggio 2006) avvenne semplicemente attraverso un passa parola fatto, oltre che direttamente, per e-mail ed sms. Eppure vide la presenza di oltre 400 persone provenienti da ogni parte d’Italia. In quella circostanza la maggior parte dei partecipanti erano appartenenti all’Arma dei Carabinieri e congiunti o loro stretti amici.

Nel settembre successivo venne creato formalmente il moto club con il deposito dell’Atto Costitutivo ed il relativo Statuto, e venne anche depositato il logo (marchio) alla CCIAA di Perugia e si decideva di dedicare l’operato dell’associazione alla beneficenza. Infatti da allora, ogni evento organizzato è sempre finalizzato alla raccolta di fondi che vengono poi devoluti, senza far sentire a nessuno dei coinvolti il peso di quanto realizzato, ma solo la soddisfazione di vivere e condividere una passione.

Nel 2007 si replicò l’evento con un successo maggiore, circa 600 presenze. In quella circostanza si produsse il primo “guadagno” dell’evento che ci permise di iniziare una collaborazione con Amref donando alla stessa un importo di 5.810 euro per la realizzazione di vari progetti, tra cui un pozzo d’acqua potabile.

Nel 2008 arriviamo alla terza edizione del moto raduno nazionale, organizzato però da un gruppo di colleghi di Pescara, questo ha permesso al Consiglio del Moto Club di concentrarsi sullo sviluppo dello statuto che infatti subiva delle modifiche e si dedicava, per la prima volta, alla raccolta delle adesioni. L’appuntamento del 2008 ha confermato il trend di crescita del moto club e dell’evento nazionale sfiorando le 1000 presenze. Sono stati raccolti ben 10.000 euro tutti devoluti direttamente nelle mani di un padre missionario che opera in Kenia. Iniziano le prime iscrizioni di soci al moto club, in particolare proprio di quelle persone che, per la terza volta, hanno ribadito la loro voglia d’esserci. Da parte di questi “fedelissimi” raccolti in pseudo sezioni, vengono organizzati anche dei piccoli eventi locali, che vedono comunque un’ampia partecipazione di persone e un ottima organizzazione. Ci si dotava allora anche di questo dominio internet per permettere l’immediata comunicazione con tutti i soci e gli interessati delle iniziative portate avanti, delle collaborazioni ricevute e di ogni altra novità, che nel primo anno di attività contava ben 100.000 contatti.

Nel 2009 è avvenuta un’evoluzione dell’associazione, l’organizzazione dell’evento nazionale è tornata direttamente nelle mani del Moto Club, è stata regolamentata la nascita delle Sezioni locali del moto club (allo stato sono 19), che a loro volta organizzano degli eventi. Oltre al nazionale perciò, nell’anno 2009 sono stati realizzati altri 15 eventi che hanno visto in totale la partecipazione di circa 3.000 persone ed oltre 2.000 motocicli. Gli iscritti al moto club nell’anno in corso sono ben 757. Come già avvenuto nelle precedenti occasioni del raduno nazionale, l’apprezzata collaborazione degli enti locali e non, e la partecipazione di importanti partner di settore, hanno favorito il successo dell’ultima edizione della manifestazione svoltasi quest’anno in Costa Smeralda, che ha potuto contare sulla presenza di una madrina d’eccezione, la showgirl Alessia Fabiani, ed ha contato circa 1.000 presenze: sono stati censiti ben 980 motocicli parcheggiati sulla banchina di Porto Cervo!

 

L’associazione, pur non rappresentando ufficialmente l’Arma dei Carabinieri, ha comunque ricevuto il plauso del suo Comando, per le iniziative di beneficenza portate avanzi con successo.

Per questioni etiche, legate proprio al fatto che l’associazione è composta in maggioranza da appartenenti all’Arma dei Carabinieri, delle altre FF.OO. e da loro simpatizzanti, ha fatto dei criteri di sobrietà, serietà ed entusiasmo il suo DNA. Senza per questo chiudere le porte a nessuno, ognuno può fare parte dell’associazione se ne sposa gli scopi e ne segue le regole.

Come anticipato prima, sin dai primi passi della stessa, l’intenzione è stata quella di, vivendo la passione che ci accomuna tutti per il mondo delle due ruote, poter far qualcosa di utile per il prossimo, al di fuori del ruolo istituzionale e, se vogliamo severo, della professione esercitata dalla maggioranza dei suoi iscritti, in maniera goliardica, allegra e spensierata.

Dimostrazione dei risultati raggiunti è la collaborazione pluriennale con AMREF, nata per caso nel 2007 ed a tutt’oggi più viva che mai, come evidenzia l’edizione speciale di settembre del loro “Magazine” d’informazione realizzata apposta per celebrare l’importante connubio

Con queste profonde motivazioni il moto club ha ottenuto, nell’edizione del moto raduno nazionale di quest’anno, tra gli altri, il pregiatissimo patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dicastero delle pari opportunità, per l’attenzione ed il rispetto portato al mondo femminile anche attraverso la collaborazione avuta con l’associazione Pangea.

WEB: www.ccmotorday.it